Zaino di emergenza

Zaino di emergenza. Cosa mettere all’interno dello zaino

La preparazione di uno zaino di emergenza può sembrare un compito arduo se fatto in maniera frettolosa. Ecco perchè consigliamo di prepararne uno con la dovuta calma pensando a quello che può servire.
Pensare di portare dietro tutto l’occorrente della nostra quotidianità è impossibile, bisogna munirsi del necessario di base per affrontare una situazione di sopravvivenza.
In una situazione di crisi ed emergenza, sapere già di avere gli alimenti, l’acqua, i vestiti, le medicine, ecc., ridurrà drasticamente la tendenza naturale al panico.

Cos’è uno zaino di emergenza o sopravvivenza

Uno zaino di emergenza (detto anche BOB, (Bug out Gag) cioè borsa per filarsela, o “borsa delle 72 ore”) è uno zaino robusto e comodo da trasportare che, in genere, deve contenere tutto l’occorrente per essere autonomi per almeno tre giorni. Uno zaino da campeggio per come è strutturato potrebbe essere l’ideale.

Non dimentichiamo che ogni persona ha diverse esigenze da soddisfare, quindi un oggetto di questo tipo non potrà essere mai uguale per tutti. Il concetto comunque è lo stesso e lo dice il nome. Infatti in caso d’emergenza, ovviamente non si avrà il tempo per recuperare tutto ciò di cui si ha bisogno. La cosa migliore è quindi prepararlo anticipatamente e tenerlo pronto per un evento inatteso che speriamo non si verifichi mai.

Al suo all’interno ci saranno tutti i rifornimenti utili a soddisfare le esigenze e necessità per almeno 3 giorni. Non dimentichiamo di inserire al suo interno i documenti di riconoscimento, eventuali prescrizioni mediche e un po’ di soldi contanti. È possibile creare zaini di sopravvivenza per periodi più prolungati personalizzandoli anche in base alle esigenze.

Cosa mettere nello zaino di emergenza

Ma cosa dobbiamo mettere al suo interno? Fare un elenco preciso di ogni singolo elemento è impensabile viste le esigenze diverse di ognuno di noi. Certo è che all’inteno dello zaino di emergenza devono essere presenti le cose più importanti. Vediamo quali sono:

  • acqua

    va da se che l’acqua è fondamentale in ogni situazione di sopravvivenza. L’acqua è infatti il più prezioso tra i beni. Un litro di acqua al giorno per persona è il minimo indispensabile, per cui lo zaino deve contenerne almeno tre litri; noi consigliamo di considerare 5 litri di acqua o più per i tre giorni. L’ideale sarebbe avere un sistema di depurazione dell’acqua per garantire una scorta continuativa. In commercio ci sono diversi tipi di kit di depurazione portatili.

  • cibo

    per un periodo di tre giorni i pasti pronti e le tavolette energetiche sono sufficienti. Si tratta di pasti disidratati a cui basta aggiungere, solitamente, acqua bollente. Sono leggeri e durano a lungo. Ovviamente i cibi in scatola a lunga conservazione sono l’ideale anche se fanno crescere il peso dello zaino.

  • abbigliamento

    per quanto riguarda questo aspetto, lo zaino di sopravvivenza è del tutto simile ad uno zaino “classico” e dovrebbe contenere:

    • un paio di stivali o di scarpe resistenti;
    • un paio di pantaloni lunghi (preferibilmente non jeans);
    • 2 paia di calze (preferibilmente non di cotone);
    • 2 magliette (una a manica lunga e una a manica corta, per indossarle a strati);
    • un giubbotto caldo e impermeabile;
    • biancheria intima calda;
    • un cappello;
    • una bandana, può sembrare strano ma una bandana può essere usata per innumerevoli cose.

    Ovviamente l’elenco sopra vale per uno zaino di 3 giorni. Nulla vieta di mettere un numero maggiore di indumenti. Bisogna, comunque, valutare bene gli aspetti legati al clima della zona in cui ci troviamo inserendo dei vestiti stagionali nello zaino di emergenza.

  • igiene personale

    un mini corredo per l’igiene personale conservato in un sacchetto con chiusura emertica. Questo tipo di chiusura consente di mantenere asciutto il contenuto anche in caso di pioggia. Il kit deve contenere almeno:

    • mini-spazzolino,
    • mini-dentifricio in pasta,
    • protezione solare,
    • prodotto disinfettante senz’acqua per le mani,
    • filo interdentale,
    • mini-deodorante,
    • almeno un rotolo di carta igienica,
    • salviette umidificate
  • occorrente per avere un rifugio – ripararsi dalle intemperie

    una protezione dalle intemperie e il necessario per avere un posto caldo ed asciutto in cui dormire è sempre bene predisporlo nello zaino di emergenza. Per avere un rifugio adeguato lo zaino deve contenere:

    • un qualche tipo di tenda o telo ed un sistema di ancoraggio;
    • un telo da terra da mettere sul pavimento del rifugio per mantenerlo asciutto (importantissimo);
    • dei sacchi a pelo, preferibilmente di buona qualità.
  • cassetta di pronto soccorso

    è un elemento fondamentale che deve essere sempre presente all’interno dello zaino d’emergenza. Le cassette di primo soccorso possono essere acquistate già pronte o preparate in casa. Il nostro consiglio è inserire al loro interno elementi che veramente possono essere utili e di togliere le cose superflue ed inutili.

  • oggetti di base – ciò che deve sempre essere presente

    oltre a quando detto sopra dobbiamo avere all’interno anche il necesario per situazioni particolari. Nello specifico ci devonoe ssere anche:

    • indumenti antipioggia: un poncho o un impermeabile, più la tenda, chiaramente;
    • per accendere un fuoco: un accendino, una pietra focaia, almeno una scatola di accendini. Un seghetto per tagliare la legna è utile se non indispensabile;
    • per cucinare: il minimo indispensabile. Un pentolino o una grande scodella per bollire l’acqua, utile anche per sterilizzare l’acqua da bere;
    • per illuminare: torce a manovella o a batterie. Nel secondo caso assicurarsi di avere una buona riserva di batterie cariche per ognuna delle torce;
    • un coltello: è lo strumento più usato e versatile dello zaino di sopravvivenza. Quindi scegliete con accuratezza il coltello che dovrete acquistare. Un coltello multiuso può essere l’ideale.

Conclusione

Questo è quanto di base ci dovrebbe essere all’interno di uno zaino di emergenza. Come abbiamo più volte scritto il contenuto può variare in base alle esigenze personali e alla zona nella quale si ci trova. Consigliamo di valutare bene il peso quando si prepara lo zaino. Uno zaino di emergenza molto pesante, difficile da trasportare, potrebbe essere una problematica in caso di spostamento a piedi.

I nostri Volontari sono a disposizione per dare maggiori informazioni su cosa mettere nello zaino di emergenza.

Condividi su

I commenti sono chiusi.